Arpino, la Città di Cicerone, con l'Acropoli di Civitavecchia e l'Arco a Sesto Acuto (VII - VI sec. a.C.)

Di particolare significatività è la presenza di un "arco a sesto acuto", unico sopravvissuto nel suo genere in tutta l'area mediterranea. Tra i monumenti più interessanti c'è la Civitas Ciceroniana, la torre medioevale dell'Acropoli di Civitavecchia

Data:
23 Settembre 2020
Immagine non trovata

L'Acropoli di Arpino è un sito archeologico prossimo al centro abitato di Arpino, uno dei più importanti per la conoscenza dell'architettura megalitica del Lazio meridionale, non solo per la grande estensione delle mura ma anche per la loro vetustà, maggiore di quella di altri siti (collocabile secondo alcuni in piena età del ferro, VIII/VII secolo a.C.), e classificabili secondo la scala ideata da Giuseppe Lugli nella seconda maniera.

La civitas vetus della città, tipico esempio di fortificazione volsca, rappresenta una delle cinte murarie meglio conservate costruite in opera poligonale in epoca preromana.  Essa  fu, probabilmente, il nucleo originario del primitivo insediamento volsco (popolo del VII-VI sec. a.C.).

Di particolare significatività è la presenza di un "arco a sesto acuto" unico sopravvissuto nel suo genere in tutta l'area mediterranea. Trattasi di un tipico arco a mensola, che viene a costituire una porta cosiddetta scea.....

Per continuare a leggere cliccare  Q U I
 

Le foto pubblicate sono di Daniele De Rubeis, Rocco Maltesi, Marco Vancini photos, Federico Tomasello (Abulafia), Tonino Bernardelli, Romolo Rea, Fabrizio Monti, Maurizio Ciliegi, Emilia Trovini, Ferdinando Potenti, Franco Olivetti, Franco Carnevale, Stefano Strani, Giovanni Soave, Pietro Scerrato, Alberto Bevere, Vincenzo Raso, Enzo Sorci, Massimo Palozza, Valentino Ligori, che si ringraziano per averle concesse in uso alla provincia di Frosinone.  

La Provincia non detiene i diritti d'autore delle foto pubblicate. Esse sono e restano di esclusiva proprietà dell'autore.

Ultimo aggiornamento

Lunedi 21 Giugno 2021