Oltre 4 milioni di euro per la viabilità e la MESSA in SICUREZZA delle strade delle aree interne

Il presidente convoca l'ASSEMBLEA dei SINDACI dei 17 comuni della VALLE di COMINO destinatari del finanziamento da parte del Ministero delle Infrastrutture

Data di pubblicazione:
18 Ottobre 2021
Immagine non trovata

Pompeo: “Questa è la prima vera opportunità per le Province legata al PNRR”
 

Finanziamenti per la viabilità delle Aree Interne: convocata l'Assemblea dei sindaci per programmare gli interventi prioritari sulla rete viaria.
 

Sono 17 i Comuni della Valle di Comino destinatari dei finanziamenti ministeriali (Infrastrutture, Sud ed Economia) che assegnano una somma complessiva di 300 milioni di euro per gli anni 2021-2026 a favore delle aree interne, al fine di migliorarne accessibilità e sicurezza delle strade.

Un contributo importante, ottenuto grazie al lavoro e all'impegno delle Province che avranno il ruolo di soggetto attuatore, con il compito specifico di programmare ed effettuare gli interventi.

Ai centri valligiani (Acquafondata, Alvito, Atina, Belmonte Castello, Casalvieri, Colle San Magno, Gallinaro, Picinisco, San Biagio Saracinisco, San Donato Valcomino, Sant’Elia Fiumerapido, Settefrati, Terelle, Vallerotonda, Vicalvi, Villa Latina e Viticuso) sono stati assegnati 4.162.000 euro, mentre Trevi nel Lazio e Filettino rientrano nei finanziamenti destinati all'area dei Monti Simbruini. 

Il presidente della Provincia, Antonio Pompeo, ha convocato per giovedì 21 ottobre 2021, nella Sala Consiglio dell'Amministrazione provinciale, i sindaci dei Comuni interessati, individuati dalla Snai (Strategia Aree Interne), proprio al fine di vagliare gli interventi da realizzare sui singoli centri. Quelli più urgenti saranno evasi con le annualità 2021, mentre gli altri saranno al centro di una programmazione che si estenderà fino al 2026.

“Questa è la prima vera opportunità per le Province legata al Pnrr – dice il presidente Pompeo – che mette al centro degli interventi la rete viaria delle Aree interne, attraverso un nuovo modello di governance in cui le Province sono i soggetti attuatori diretti delle risorse, senza intermediari. Un obiettivo centrato che, grazie al grande lavoro messo in campo da Upi, sancisce il ruolo essenziale della Provincia come ‘Casa dei comuni’, nell'azione di coordinamento dello sviluppo locale ma, al tempo stesso, anche una prima sfida per il futuro: quella di un progetto condiviso con i territori”.

L'Amministrazione provinciale di Frosinone ha sostenuto anche una ricerca sulle Aree Interne condotta dall'Università di Cassino, attraverso la pubblicazione curata dal professor Luigi Famiglietti, docente di Diritto degli Enti Locali, che prossimamente sarà presentata in Provincia.

 

Frosinone, 16 ottobre 2021

Ultimo aggiornamento

Martedi 23 Novembre 2021